Parma Calcio: una delle ex sette sorelle torna nel mondo del pallone che conta

Il Parma torna nel calcio che conta. Il 19 marzo 2015 la società calcistica della cittadina emiliana veniva dichiarata fallita a seguito della vicenda Manenti, e ancora prima la vendita del club di Ghirardi a Taci.
Da quel giorno di fine inverno, però, si è assistito ad una vera e propria rivoluzione. Il club è stato rifondato, sotto il nome di Parma Calcio 1913; in questo è stato fondamentale il supporto di un gruppo di imprenditori locali e di alcune vecchie glorie di quella squadra che dominò sul panorama nazionale e internazionale durante gli anni ’90.
Su quattro basi in particolare si è voluto puntare: Nevio Scala come presidente, Minotti come direttore sportivo e Gigi Apolloni come allenatore e un’iscrizione al campionato di Serie D per ricominciare. Domenica scorsa, dopo la vittoria sul Delta Rovigo per 2 a 1, quell’incubo appartiene al passato.
Il nuovuo Parma arriva in Lega Pro dopo un campionato praticamente perfetto. I numeri della cavalcata, d’altronde, parlano da soli: 85 punti in 35 partite frutto di 25 vittorie, 10 pareggi, nessuna sconfitta e solamente 15 gol subiti.
La scalata verso l’alto, però, non si è certa fermata qui. L’obiettivo per l’anno prossimo è quella di una nuova promozione per tornare, nel minor tempo possibile, a livelli calcistici che una reatà del genere merita.