Olimpiadi di Rio 2016: la rinuncia di Joana Bolling per aiutare il padre

I giochi olimpici in terra brasiliana hanno forse però una delle loro rivelazioni più attese. Infatti, l’atleta argentina Joana Bolling, promessa della palla a mano ha dovuto dire addio alla rassegna iridata.

La sua commovente storia è un mix perfetto di rinuncia e sacrificio. Joana, infatti, non sarà presente ai giochi visto che dona un rene al padre Elnews, ex cestita, che da tempo si trova in cura a causa di una insufficienza renale che lo costringe ad una dialisi tre volte alla settimana.

L’intervento è stato effettuato lo scorso 5 aprile ma la convalescenza durerà troppo tempo. Il messaggio che la stessa Joana ha messo sui suoi social ha, del resto, commosso numerose persone: “Ohana significa famiglia e famiglia vuol dire che nessuno viene abbandonato o dimenticato”.

Tutto questo però non è un addio vista la giovane età della ragazza. Ci riproverà sicuramente per l’edizione di Tokyo 2020, magari con suo padre Elnews a sostenerla dagli spalti.