La morte nel calcio: addio al calciatore Bernardo Ribeiro

Due nuove tragedie del mondo del calcio hanno colpito, e sconvolto, un po’ tutti. Venerdì sera è morto, a soli 24 anni di età, Patrick Ekeng, giocatore della Dinamo Bucarest. La tragedia è avvenuta durante la partita del campionato rumeno tra la Dinamo ed il Vitorul Constanta. Sono ancora ignore, al momento, le cause del decesso. Poco meno di 24 ore dopo, in Brasile, è morto per un attacco di cuore Bernardo Ribeiro, attaccante in forza alla Friburguense. Il giovane, per la precisione, durante una partita di calcio amatoriale, ha cominciato a sentire forti dolori al petto e, sulla fine del primo tempo, è crollato sul terreno da gioco dopo essere stato colpito da un arresto cardiaco. Ribeiro, nella sua breve carriera sui campi da gioco, è stato un vero e proprio gira-mondo.

Ha, infatti, militato nei campionati in Albania e in Australia, passando anche per l’Italia nella primavera della squadra siciliana del Catania. Dopodiché aveva deciso di tornare in patri per proseguire la sua carriera calcistica. Tale tragedia, inoltre, ha anche un lato di fatalità: il giocatore era già in vacanza, essendo terminato il campionato carioca. In più non avrebbe dovuto prendere parte alla partita visto che cadeva nel giorno del compleanno di suo padre. Lo spostamento dei festeggiamenti paterni ha, però, portato il calciatore a prendere la decisione di scendere in campo durante tale match.